Volare low cost

Volare Ryanair diventa sempre più comune, ma anche sempre più ridicolo. A parte i problemi legati alle persone che tentano ancora di imbarcarsi con trolley, più valigetta, più borsa, più acquisti del duty free e poi si lamentano se devono pagare degli extra, tutta la fase di salita sull’aeromobile è tristemente comica.

La compagnia trasmette sempre lo stesso pezzo di musica classica in sottofondo, forse nella speranza di calmare preventivamente gli animi, o forse perché non si può permettere i diritti d’autore di un pezzo contemporaneo. Dato che la fase di imbarco non comincia mai con il dovuto anticipo, le hostess sono costrette a sollecitare nervosamente i passeggeri per farli sedere nel primo posto disponibile, istruzione che i passeggeri ignorano platealmente alzandosi più volte per recuperare il giornale, il libro e/o la felpa.

L’atmosfera si fa sempre più stressante per l’equipaggio e per i passeggeri mentre Bach continua in sottofondo. A questo punto di solito la situazione bagagli è sfuggita completamente di mano e mentre la signora snob di turno si lamenta di dover abbandonare il proprio trolley in una cappelliera dall’altra parte dell’aereo, altri sono costretti a incastrare zaini e borse da palestra nel sedile di fronte riducendo così il già stretto spazio per le proprie gambe. Ecco, magari la prossima volta ci pensi due volte a portare quattro bagagli a mano! E invece no, non è mai colpa loro, è sempre colpa di questa maledetta Ryanair. Come se Ryanair non mandasse sufficienti email di promemoria sui requisiti del bagaglio a mano.

Infine sono tutti seduti e tutti nervosi ed esausti, le hostess in primis, avendo il duro compito di sopportare i passeggeri mantenendo un atteggiamento gentile e cortese. È il momento della dimostrazione di sicurezza e la musica classica viene sostituita da una voce registrata che a tutto volume accompagna i gesti dell’equipaggio. È vero che nessuno sta mai attento durante la dimostrazione, ma questo volume spacca timpani è proprio necessario?

La stessa voce assordante diventa presenza fissa durante l’intero viaggio per pubblicizzare qualcosa di inutile in almeno due lingue diverse. Dopo aver ignorato il carrello dei panini, quello dei profumi, le sigarette elettroniche e i biglietti della lotteria tutti proposti con lo stesso tono inespressivo perché anche la hostess sa che non interessano a nessuno, comincia la fase di atterraggio.

Una volta a terra, dopo il classico jingle e gli applausi registrati, perché ormai nessuno li fa più dal vivo, la procedura che risuona a volume sovrumano invita a ‘rimanere seduti con le cinture allacciate fino al completo arresto dell’aeromobile’, aggiungendo che i fumatori devono aspettare di raggiungere l’area fumatori dell’aeroporto e gli apparecchi con SIM possono essere accesi solo una volta raggiunto il terminal. A quanto pare la maggior parte dei passeggeri è sorda perché quasi nessuno rimane al suo posto nella fretta di alzarsi. Fretta inutile perché i furbi rimangono incastrati come sardine aspettando che le uscite vengano aperte. Sempre gli stessi si buttano a chiamare i propri cari per fargli sapere che sono appena appena atterrati, ma letteralmente eh! Il carrello non fa in tempo a toccare il suolo che il primo cellulare squilla, ma che fretta ci sarà mai?!

Ammassati in fila nello stretto corridoio dell’aereo scalpitando per uscire i passeggeri si buttano verso l’uscita appena aperta senza riguardo per vecchi o bambini. Il saluto delle hostess racchiude tutto il sollievo di essersi liberate di un altro aereo pieno di gnorri egocentrici ed egoisti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...